IL TEATRO DELLE EMOZIONI

Uncategorized

2017 “TUTTA COLPA DI TROIA” e “HBH HANBURY BOOK HOSPITAL – Curarsi con i libri”

Il terzo capitolo dell’estate 2017 con il teatro itinerante di LIBER theatrum è costituito da “TUTTA COLPA DI TROIA”. In replica a Settembre agli Hanbury, l’apprezzatissimo e divertentissimo spettacolo di teatro “diffuso” va in scena infatti ancora una volta in prima assoluta a Perinaldo, sempre presenti Alessandro Bergallo e Gli Spiazzati di Genova.Un modo originale e ironico per ripercorrere le gesta raccontate nei grandi poemi omerici dell’Iliade e dell’Odissea, che in Troia hanno visto il centro nevralgico e originario di tutto. Pubblico coinvolto e divertito dalle storie rivedute trasportate ai giorni nostri dei personaggi mitologici e letterari, che hanno avuto per amore o per forza, Troia nel proprio destino. Elena, Paride, Zeus, ma anche i ciclopi, le colonne d’Ercole e il cavallo. Fino ad arrivare alla più stretta attualità con la crisi economica della Grecia nella quale, forse, anche Troia ha avuto le sue belle responsabilità.

LOCANDINA 2
LOCANDINA

Nell’estate 2017 LIBER theatrum organizza anche la quarta edizione di ‘HanburycheSPETTACOLO’! Calendario ricchissimo con ben dieci appuntamenti di teatro, musica, letteratura, tango e gastronomia, spalmati tra Luglio e Settembre. Ad inaugurare il Festival un mega spettacolo teatrale itinerante: “HBH HANBURY BOOK HOSPITAL – Curarsi con i libri”Più di venticinque interpreti a occupare le cinque postazioni ambulatoriali distribuite nei Giardini, diventati una vera e propria struttura ospedaliera a cielo aperto, con il pubblico coinvolto e immerso sin dall’ingresso in un’atmosfera quasi surreale, ma divertente e intellettuale al tempo stesso. Una serata indimenticabile per scoprire un modo diverso di affrontare la malattia e le nostre fobie arricchendo il nostro spirito!


2016 “IL PRINCIPE PICCOLO” e “…DA CAPO!!!”

La vera e inaspettata sorpresa dell’estate 2016 fu lo spettacolo teatrale itinerante “IL PRINCIPE PICCOLO” liberamente ispirato al capolavoro di Antoine de Saint-Exupery “Il piccolo Principe”, contestualizzato ai giorni nostri e messo in scena in prima assoluta nel bel borgo di Perinaldo, sede anche dell’osservatorio astronomico intitolato a G.D. Cassini, con ulteriore replica a fine estate nei Giardini Hanbury. Un divertente e ispirato viaggio attraverso i pianeti e le conseguenti metafore anche contemporanee e moderne, per ridere sotto le stelle, liberamente tratto dal bel libro di Antoine de Saint-Exupery “Il piccolo Principe”, frutto della nascita anche di AWEEKENING, un progetto multidisciplinare in collaborazione con il grafico (e non solo) Diego Lupano, oltre alla partecipazione straordinaria del noto attore genovese Alessandro Bergallo e del gruppo ‘Gli Spiazzati’ del capoluogo ligure. Una nuova scommessa vinta da LIBER theatrum!

Prima de “IL PRINCIPE PICCOLO” con cui si inaugurerà una nuova e fruttuosa collaborazione con il Comune di Perinaldo, cambio radicale di registro per il primo lavoro, con cui peraltro si apre la terza edizione di “HanburycheSPETTACOLO!” e pubblico letteralmente coinvolto nella rappresentazione. “…DA CAPO!!! mistero ai Giardini Hanbury” è infatti praticamente una sorprendente e inattesa “serata con delitto” con conseguente “caccia all’assassino” in cui gli spettatori si vedono sfilare davanti di volta di volta, nelle varie postazioni, i vari interpreti e potenziali indiziati, a cui poter rivolgere domande sotto forma di un vero e proprio interrogatorio alla ricerca del responsabile dell’omicidio commesso in scena.Uno spettacolo unico nel suo genere che verrà replicato anche al Castello dei Doria a Dolceacqua e in una indimenticabile serata organizzata in una stupenda villa d’epoca sulle colline piacentine per un evento straordinario, con il corpo recitante costantemente chiamato anche a improvvisare sulla base dei quesiti del pubblico, piacevolmente sconcertato, ma divertito e coinvolto dall’evolversi della serata, assolutamente non prevedibile nei suoi sviluppi.


2015 “DELL’AMORE LE PAROLE

Per la seconda edizione di “HanburycheSPETTACOLO!” nell’estate 2015 il nuovo spettacolo teatrale itinerante pensato e diretto da Diego Marangon per LIBER theatrum è “DELL’AMORE LE PAROLE”. Un coinvolgente viaggio dedicato per la prima volta esclusivamente all’Amore con la A maiuscola! Un originale lavoro in cui ancora una volta voci e musica si intrecciano, accompagnando lo spettatore in quello che da sempre e costantemente è motore e volano della vita delle donne e degli uomini, sempre alla ricerca dell’emozione vera e sorprendente in grado di dare un vero senso all’esistenza di noi tutti. Un viaggio inaspettato e sorprendente: dall’Amore infinito, semplicemente bello e vero, quasi etereo, a quello drammatico e non corrisposto, capace di trasformarsi anche in odio; dall’Amore idealizzato, tipico del Medio Evo, a quello triste, disperato, anche luttuoso; dall’Amore “per fortuna” anche divertente, giocoso e gioioso a quello fallimentare e abbandonato.


2014 “VITTIME E CARNEFICI”

Nell’estate del 2014 LIBER theatrum decide di valorizzare ancor più la scelta degli spettacoli itineranti dando vita a un evento che diventerà un appuntamento fisso anche nelle estati successive: “HanburycheSPETTACOLO!” – TEATRO in movimento e CONCERTI d’estate, un vero e proprio Festival di arti varie che sfrutta la splendida location dei Giardini Botanici Hanbury di Ventimiglia!Ben tre e assai diversi gli spettacoli messi in scena in quella bella estate, tutti diretti da Diego Marangon, a rappresentare quella bella commistione di stili e arti che sempre più caratterizzeranno anche in futuro i lavori di LIBER theatrum. “VITTIME O CARNEFICI” fu praticamente una rivisitazione divertente e ironica del primo spettacolo teatrale in assoluto di cui Diego Marangon aveva curato la regia in maniera stanziale quasi dieci anni prima. Liberamente ispirato al libro ‘Delitti imperfetti’ di Max Aub, sorprendenti furono le scelte su un testo dedicato alla morte, a quella violenta in particolare. Tutti omicidi e assassini assurdi, inaspettati, quasi inspiegabili e al tempo stesso banali. Forse in realtà delitti mai neppure commessi! L’originale “LA POESIA DEL TANGO” fu invece un intrigante spettacolo per voci, tangueros e musica dal vivo dedicato – in collaborazione con ‘El Gato Tanguero’ – all’appassionato e affascinante mondo del ‘TANGO’. Infine – in collaborazione con M.E.T.A.Danza – l’apprezzatissimo e singolare “BALLA E DANZA IL COLORE DE LA VOCE”, che fu messo in scena nel tardo pomeriggio dell’equinozio d’Autunno. Uno spettacolo emozionante dai colori intensi per danzatrici, voci e musica dal vivo seguito da un raffinato apericena.


2013 ” I PICCOLI PIACERI DELLA VITA”

  • Visto il successo dell’anno precedente, anche il nuovo spettacolo estivo di LIBER theatrum per l’estate 2013 è un lavoro itinerante e viene messo in scena in quelli che diventeranno presto quasi una vera e propria casa per il gruppo teatrale ventimigliese.Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Genova, infatti, i bellissimi Giardini Botanici Hanbury in frazione La Mortola Superiore a Ventimiglia ospitano “I PICCOLI PIACERI DELLA VITA” sempre con la regia di Diego Marangon, liberamente ispirato a ‘La prima sorsata di birra’ dello scrittore francese Philippe Delerm.Uno spettacolo delizioso e raffinato che lascia a bocca aperta il pubblico anche per l’ambientazione ideale e valorizzata al massimo dalle scelte scenografiche. Illuminazione infatti solo a base di lumini, candele e lanterne a rendere ancor più suggestivi i viottoli, i camminamenti, gli anfratti dei giardini.Un grande successo di pubblico colpito dalla delicatezza delle interpretazioni del testo in cui si valorizzano l’importanza e la necessità delle cose semplici, genuine e naturali della vita. La loro essenzialità e indispensabilità a fronte di una frenesia, superficialità e velocità che non ce le fa più apprezzare e godere.Sapori, rumori, torpori, languori, stupori, emozioni che corrispondono a tante piccole dolcezze del vivere quotidiano quasi perdute. Istanti preziosi di cui troppe volte non si apprezza l’importanza, oltre che il gusto e il piacere di viverli.

comunicato stampa:

I piccoli piaceri della vita” per la regia di Diego Marangon. Liberamente ispirato al libro “La prima sorsata di birra e altri piaceri della vita” – dello scrittore francese Philippe DELERM – pubblicato in Francia nel 1997 e l’anno successivo anche in Italia, dopo un inaspettato e sorprendente successo (più di 300.000 copie vendute in breve tempo e un vero e proprio caso editoriale) “I piccoli piaceri della vita” saprà certamente e nuovamente sorprendere e affascinare il pubblico……si incontreranno e si ascolteranno le finezze delle cose essenziali, genuine, naturali di tutti i giorni, alcune purtroppo ormai quasi dimenticate o poco frequentate, che fretta e stress troppo spesso travolgono fino all’indifferenza. Condividendo buona parte dei ricordi dell’autore francese, verranno proposti in maniera semplice e immediata sapori, odori, rumori, torpori, languori, stupori, emozioni che corrispondono a tante piccole dolcezze del vivere quotidiano. Istanti preziosi che rendono unica la vita e che giustificano il viverla in maniera piena e vera. Momenti colti nella loro immediatezza e assaporati in tranquillità, in grado di creare un’atmosfera incantevole, afferrando “al volo” sensazioni squisite e fuggevoli. Il tutto grazie ad una prosa precisa e minuziosa, mai leziosa: piccoli tocchi impressionistici, fresche pennellate di colore che ci ricordano un mondo quasi scomparso, riportandoci a ritmi pacati e a ritualità del quotidiano ormai dimenticato. Con atteggiamento contemplativo e un pizzico di nostalgia lo spettatore si troverà protagonista del silenzio attorno e dentro di sé per ascoltare gli echi che “i piccoli piaceri della vita” risveglieranno anche nel suo animo. Fotografie, immagini, istantanee in cui trovare e scoprire, nascosta, l’illusione momentanea di poter fermare il tempo o quantomeno deviarne per qualche istante il corso. Piccole, infinitesime, gocce di felicità, superbamente evocate che tutti noi, auspicabilmente, almeno una volta nella vita abbiamo gustato e che ci hanno incantato.


Liber theatrum anno 2012 “POPOLO DI ORFALESE”

Nell’estate del 2012 LIBER theatrum ribadisce la scelta del teatro itinerante dando voce alla spiritualità e mettendo in scena “POPOLO DI ORFALESE” liberamente ispirato a un libro che dovrebbe essere presente in ogni libreria di casa: ‘Il Profeta’ di Kahlil Gibran.Per l’occasione viene individuata un’altra suggestiva e mai utilizzata location: il bellissimo Agrumeto di Villa Pendice a Bordighera. Ma lo spettacolo, così come successo più volte in situazioni e località diverse per “PUNTI DI VISTA”, verrà replicato anche nella splendida cornice dei Giardini Hanbury e in una indimenticabile serata invernale di fine anno nel bello e accogliente borgo di Vallebona.Anche in questo caso una ventina gli interpreti, per una prova di grande respiro internazionale, dal messaggio universale e senza tempo, dove ‘accoglienza’, ‘condivisione’, fratellanza’ e ‘ascolto’, parole e principi trainanti e fondamentali di una filosofia di vita assolutamente positiva e conciliante, sono stati trasportati in uno spettacolo dalle atmosfere assolutamente uniche e magiche. Il tutto con una messa in scena inaspettata, illuminata solo da lanterne a lume di candela e “quasi un rincorrersi” tra corpo recitante e pubblico, tutti immersi in un’ambientazione sorprendente e dagli effetti inaspettati e coinvolgenti, dove ascoltare la “parola del Profeta” rimasta nel cuore del “Popolo di Orfalese”.

fra i carugi

DAL SITO:

Una prova di grande respiro internazionale e dal messaggio universale, scelta dal curatore e regista Diego Marangon, che permetterà al pubblico una vera e propria immersione in un mondo completamente nuovo dove “accoglienza”, “condivisione”, “fratellanza” e “ascolto” saranno le parole e i principi guida, trainanti e fondamentali di una filosofia di vita assolutamente positiva e conciliante. Il Profeta è infatti l’opera indimenticabile che il suo autore, il libanese Kahil Gibran, scrisse in inglese negli Stati Uniti, dove abitò gli ultimi vent’anni della sua vita. Accolto dalla critica, quando nel 1923 fu pubblicato, come un vero e proprio capolavoro, ben presto  prediletto da milioni di lettori come un classico del suo tempo. Un libro dal sapore unico e universale per uno spettacolo diventato immediatamente curioso e non scontato. La proposta di una grande filosofia umana, di possente riserva di vita spirituale per un mondo inteso come un’unità perfetta per realizzare la vita come un’armonia eterna, con metafore e immagini che, sotto la guida del Profeta, e attraverso il ricordo e la memoria del “Popolo di Orfalese” condurranno lo spettatore in un’altra dimensione.

Nuove letture, interpretazioni e proposte saranno riservate al pubblico sui temi dominanti e sul loro vero ed intrinseco senso che la vita ci propone ogni giorno nel suo variegato divenire: l’amore, il bene e il male, la bellezza, il matrimonio, la gioia e il dolore, i figli, il piacere, la libertà, la giustizia, l’amicizia, la conoscenza, il tempo, il lavoro, l’insegnamento, la ragione e la passione, la morte e altro ancora. Più di venti gli attori impegnati, che a lume di lanterna “porteranno a spasso” gli spettatori per i carruggi di Vallebona e le cui parole risuoneranno certamente nel cuore e nell’anima di tutti quanti prima di prendere sonno.


Estate 2011 – “PUNTI DI VISTA”

Eccolo – nell’estate del 2011 – il primo lavoro teatrale itinerante e non stanziale che LIBER theatrum mette in scena, scegliendo per l’occasione i belli e affollatissimi giardini che abbracciano la Chiesa Anglicana di Bordighera. Uno spettacolo sorprendente e di grande successo in un luogo inusuale a essere sfruttato in tal modo, dove lo spettatore, in uno spazio comodo, protetto e contenuto, ha avuto la possibilità di apprezzare e scoprire un testo classico del teatro moderno, riletto e rivisitato in chiave originale e ironica, interpretato da più di venti attori e attrici.”PUNTI DI VISTA!” il titolo – regia di Diego Marangon, scenografia di Sergio Lazzaretti – liberamente ispirato a “Esercizi di stile” di Raymond Queneau, l’opera geniale dell’autore francese, tradotta splendidamente in italiano da Umberto Eco per Einaudi, dove si racconta un breve e banale episodio di vita quotidiana nella Parigi di fine anni ’40, creando una raccolta di ben 99 piccoli racconti che sono in realtà lo stesso, identico episodio, scritto però sempre in maniera diversa.Queneau ha trasformato cioè il “fatto” utilizzando per ogni versione uno stile, una figura retorica, un genere diverso, declinandola in maniera nuova, inaspettata e originale ogni volta. Un effetto comico talvolta travolgente, ma soprattutto un esperimento sulle molteplici possibilità del linguaggio e della comunicazione, non solo verbale.Un vero e proprio esperimento che ha segnato in maniera indelebile la storia del teatro, anche di LIBER theatrum, sempre attento alle sfaccettature della vita, dove ciò che ci accade quasi mai è solo “bianco o nero” ma spessissimo invece sfumature di grigio e realtà in divenire. Dove ciò che oggi ha un significato domani può averne un altro, anche completamente diverso…


LIBER THEATRUM BARCOLLA MA NON MOLLA!!!

non spegniamo la luce

Anche il gruppo ventimigliese di LIBER theatrum partecipa, come può, all’iniziativa “FACCIAMO LUCE SUL TEATRO” promossa oggi 22 Febbraio da U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivi) sostenuta anche dal grande attore italiano Pierfrancesco FAVINO.

Noi non abbiamo un teatro nostro da illuminare e tenere aperto, come invece accadrà questa sera in tutta Italia dalle ore 19.30 alle ore 21.30. Non abbiamo a disposizione cioè il luogo più adatto dove prepararci, fare e ripetere le prove per poi mettere in scena i nostri spettacoli. Ma partecipiamo ugualmente a questa nobile iniziativa di presidio dei teatri in Italia, affinché questi tornino simbolicamente a essere ciò che da 2500 anni sono sempre stati: piazze aperte sulla città e motori psichici della vita di una comunità. Il luogo deputato a incontrare quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo senza la quale il teatro semplicemente non è: il PUBBLICO!

Quel pubblico che noi invece troviamo ad aspettarci ogni volta in una location diversa, spesso all’aperto.

A partire da oggi e nei giorni a seguire, è allora proprio ricordando i nostri innumerevoli spettacoli itineranti, portati in scena in questi anni soprattutto nel periodo estivo, dove il pubblico oltre agli attori e alle attrici in scena quasi si inseguono, spostandosi in luoghi spesso incantevoli e sorprendenti, che diamo il nostro apporto a questa iniziativa, non tanto di protesta, ma di sensibilizzazione del problema legato alla non possibilità di lavorare e/o di praticare con passione nel mondo dell’arte e della cultura ciò che ci piace di più fare.

Per emozionarci ed emozionare. Per sentire il respiro del pubblico e che cosa risuona dentro di noi. Per comunicare ai nostri affezionati spettatori che noi ci siamo, resistiamo, ci stiamo comunque preparando, non molliamo e non vediamo l’ora di tornare a vedere i vostri sguardi e sorrisi, a sentire i vostri cuori battere con noi, a sentire le vostre risate, a cogliere la commozione nei vostri occhi.

“Noi facciamo teatro perché la vita non ci basta”…

Soprattutto e ancor di più lo vogliamo fare ORA!!!


Un’esperienza inquietante e indimenticabile…

flyer-page-001

Con la risoluzione n° 60/7 1° Novembre 2005 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite oggi, il 27 Gennaio, è diventata la ricorrenza internazionale celebrata ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto. E’ stata scelta questa data simbolica perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, il più vasto e terribile campo di sterminio tra gli innumerevoli, presenti in molti paesi dell’Europa occupata dalle forze dell’Asse, in cui si realizzò il più grande genocidio della Storia perpetrato dalla barbarie del regime nazifascista durante la Seconda Guerra mondiale. E oggi 27 Gennaio 2021 – per la prima volta dal 2014 – per l’impossibilità di accedere ai teatri a causa dell’emergenza sanitaria causata dal COVID, LIBER theatrum non porterà in scena un suo spettacolo dedicato a questa commemorazione. Sono stati sette anni in cui si sono realizzati sette diversi, emozionanti e indimenticabili lavori teatrali, ogni volta affrontando un tema diverso di questa terribile tragedia umana. Spettacoli sempre apprezzati dal numeroso pubblico presente in sala, cui aggiungere ogni anno quasi cinquecento studenti delle scuole medie superiori dell’estremo Ponente ligure. Un’esperienza che ha lasciato un segno indelebile in tutti noi di LIBER theatrum e non solo…   Da oggi e per i prossimi giorni ricorderemo una per una queste sette incredibili esperienze che hanno accompagnato il nostro stare insieme e le nostre coscienze. Iniziammo tra il 27 e il 30 Gennaio 2014 con quattro repliche di “CON I MIEI OCCHI” regia di Diego Marangon. Una mega produzione che ha visto salire sul palco 20 interpreti più 15 ballerine con le coreografie di danza curate da Michela Andreoli di M.E.T.A.DANZA. Uno spettacolo in cui gli stessi spettatori sono diventati essi stessi protagonisti attivi di “un viaggio allucinato nel più allucinante dei viaggi”. Uno spettacolo preceduto pochissimi giorni prima dall’emozionantissimo incontro con Enrico VANZINI, militare italiano, fatto prigioniero dai tedeschi dopo l’8 settembre del 1943, inviato ai lavori forzati a Ingolstadt in Germania e dopo un tentativo di fuga ripreso e condannato a morte a Buchenwald, pena in seguito commutata con l’internamento nel campo di concentramento a Dachau. Uno dei pochi e ultimissimi reduci ancora in vita sopravvissuti alla barbarie dei lager nazisti. Su questa terribile esperienza Vanzini ha scritto, con il giornalista Roberto BRUMAT, il libro “L’ultimo sonderkommando italiano. A Dachau ero il numero 123343” Rizzoli editore. Solo pochi mesi prima, per poter vedere con i propri occhi e rivivere in qualche maniera l’angoscia di quegli anni, soprattutto per cercare di entrare nello spirito e cogliere meglio quelle che sarebbero diventate le atmosfere del primo spettacolo dedicato alla SHOAH, tutto LIBER theatrum fece visita al campo di concentramento di Mauthausen in Austria, soprannominato “il cimitero degli Italiani” e terribilmente famoso e conosciuto perché caratterizzato dai suoi 186 gradini che ne formavano la famigerata “scala della morte” scavata nella roccia della collina su cui sorgeva il campo e che collegava una cava sottostante, aperta nel ventre dell’altura, per l’estrazione del granito. Un’esperienza inquietante e indimenticabile…


RINVIATI I CORSI DI TEATRO

Programmati per iniziare, come di consueto, da metà Ottobre, sono stati ufficialmente e definitivamente annullati – almeno per questi ultimi mesi del 2020 – i corsi di recitazione per adulti, ragazzi e bambini che, sotto la supervisione e conduzione principale di Diego Marangon e ospitati a Vallecrosia in via San Rocco, in un accogliente piccolo teatro, da ormai più di quindici anni sono organizzati dall’Associazione Culturale e teatrale LIBER theatrum. Il rinvio è ‘a data da destinarsi’ e l’auspicio è di poterli comunque programmare, seppure con modalità e cadenza diverse, nel nuovo anno 2021.
Nei mesi estivi trascorsi, nonostante le difficoltà, il sodalizio culturale ventimigliese era riuscito eccezionalmente a organizzare alcuni eventi. Innanzitutto, nella bella cornice del centro storico di Vallebona, due apprezzatissimi incontri d’autore e “SE NON SI POTRA’ USCIRE RESTEREMO IN CASA A LEGGERE POESIE” una bella serata di poesia e musica, oltre a portare in scena, prima a Perinaldo e poi ai Giardini Hanbury, “CUPID 19 – UOMINI E DONNE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS” un vero e proprio spettacolo corale, divertente e apprezzato dal pubblico, che aveva ripagato il gruppo teatrale dell’impegno serrato nonostante il poco tempo a disposizione per le prove.
L’arrivo dell’Autunno e le nuove restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria causa COVID, hanno invece impedito ai gruppi di allievi dei più recenti corsi di recitazione di poter calcare il palcoscenico del teatro del Palazzo del Parco di Bordighera e portare in scena, in due fine settimana del mese di Novembre, con date già fissate, i loro lavori ormai pronti per essere applauditi: “MEMORIES” e “FERMI TUTTI!”.
Amareggiati e delusi, ma con una grande voglia di riprendere un cammino purtroppo percorso solo in parte e a singhiozzo, ora si è tutti proiettati all’anno nuovo, confidando in una soluzione soddisfacente della crisi sanitaria, comunque in grado di allentare i divieti e le imposizioni e permettere di tornare in scena per emozionarsi ed emozionare il pubblico. Lo stesso dicasi per tutti gli altri progetti, laboratori e workshop estemporanei, anche con attori e registi professionisti, che LIBER theatrum continuamente organizza e cura durante tutto l’anno.
Costantemente attivi rimangono comunque i riferimenti telefonici, mail e social (facebook e Instagram) per avere informazioni ed essere aggiornati sulle varie iniziative che quanto
prima si spera potranno ripartire: nr. cell. 338 6273449 – liber.theatrum@gmail.com –
http://www.libertheatrum.com.


CIPID19 uomini e donne al tempo del Coronavirus 5 settembre

Chiudete l’estate con un sorriso!
Non perdetevi “CUPID 19 – Uomini e Donne al tempo del CORONAVIRUS”. Vi aspettiamo, ma nel rispetto delle norme anti Covid, PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA!!! 😀😀😀
locandina COVID 19 SETTEMBRE

Finalmente nuovamente in scena… CUPID19 uomini e donne al tempo del coronavirus

cupid 19

L’Ass. Cult. “LIBER THEATRUM” di Ventimiglia e il COMUNE DI PERINALDO presentano…

“CUPID19 – Uomini e Donne al Tempo del Coronavirus”

SPETTACOLO di TEATRO DIFFUSO per RIDERE sotto le STELLE di PERINALDO

Sabato 8 AGOSTO 2020
alle ore 21,15
nel borgo di PERINALDO

Torna, nel borgo di Perinaldo, per il quinto anno consecutivo lo spettacolo di teatro per ridere sotto le stelle a cura di Liber Theatrum…

…quest’anno protagonisti saranno l’Amore, gli Uomini e le Donne al tempo del Coronavirus…

…Vi aspettiamo!

INGRESSO LIBERO – PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

per INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI:

LIBER THEATRUM:
Cell. (+39) 338 6273449
anche tramite WhatsApp

“CUPID19 – Uomini e Donne al Tempo del Coronavirus”
è realizzato con il contributo di:
• COMUNE di PERINALDO paese delle Bandiere arancioni del Tci del Touring Club Italiano e membro dell’Associazione Paesi Bandiera Arancione, Città dell’Olio e vincitore nel 2015 del premio Swiss Tourism Awards.

#libertheatrum #diegomarangon #amore #perinaldo #teatro #cupid19 #rideresottolestelle #uominiedonne #coronavirus

Mostra meno

Teatro
Adatto ai bambini

Commedia (teatro)


Immagine

ROMEO & GIULIETTA

ROMEO E GIULIETTA


SETTIMANA INTENSA, due appuntamenti da non perdere

DUE APPUNTAMENTI DA NON PERDERE:

(clicca sulle locandine per informazioni)

VIA DA QUI LOCANDINAROMEO E GIULIETTA


“ROMEO & GIULIETTA”

Continua il produttivo inizio d’anno per LIBER theatrum che dopo la celebrazione della Giornata della Memoria e quella già in calendario da tempo la prossima settimana per il Giorno del Ricordo e delle Foibe, a soli due giorni di distanza darà vita a un San Valentino eccezionale  e originale, mettendo in scena, con il patrocinio della Città di Ventimiglia – Venerdì 14 Febbraio alle ore 21.00 al Teatro Comunale di Ventimiglia – uno spettacolo assolutamente appropriato per la festa degli innamorati: una versione molto liberamente ispirata al più classico dei testi sull’amore, “ROMEO & GIULIETTA” di William Shakespeare. con la regia di Aldo Rapè e l’aiuto regia di Diego Marangon.

ROMEO E GIULIETTA

Frutto di un intenso laboratorio condotto dall’attore siciliano con quasi quaranta allievi de attori di LIBER theatrum, gli spettatori scopriranno le curiose e sorprendenti scelte registiche che trasporteranno l’originaria ambientazione tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600 ai giorni nostri, conservando altresì la struttura del capolavoro inglese. Le due famiglie in continua lotta tra di loro, i Montecchi e i Capuleti e l’amore contrastato tra Romeo e Giulietta, i due giovani che, seppure appartenenti a famiglie avverse, vedono sbocciare l’amore dentro i loro cuori.

Non mancheranno gli episodi di sangue che coinvolgeranno i personaggi principali di contorno, innanzitutto Mercuzio, migliore amico di Romeo e Tebaldo, cugino di Giulietta, con le conseguenze drammatiche che porteranno alla fuga di Romeo e alla apparente morte di Giulietta, anticamera del vero esito finale e tragico dell’intera vicenda.

Ancora una volta Aldo Rapè ritorna quindi con grande piacere a collaborare con LIBER theatrum, portando in serbo la sua creatività ed emozione per affrontare e proporre una versione inedita di uno dei testi più messi in scena in tutti i teatri del mondo.

Ingresso a pagamento € 10,00

INFO: 3386273449 – liber.theatrum@gmail.comwww.libertheatrum.com


GIORNO DEL RICORDO – VIA DI QUI

Archiviata con grande successo di pubblico per lo spettacolo “Non solo loro” la celebrazione della Giornata della Memoria, LIBER theatrum torna nuovamente in scena, anche in questo caso con il patrocinio e il contributo della Città di Ventimiglia, Mercoledì 12 febbraio al Teatro Comunale di Ventimiglia in occasione delle celebrazioni per il “Giorno del Ricordo” con lo spettacolo teatrale “VIA DA QUI” dedicato alle vittime delle Foibe e all’Esodo Istriano Dalmata, proponendolo anche in questo caso in doppia replica: alle ore 11 riservato agli studenti delle scuole medie superiori e alle ore 21.00 a ingresso libero per la cittadinanza.

VIA DA QUI LOCANDINA

Attenzione quindi dedicata a un’altra pagina tragica della Storia nazionale, che dopo troppo tempo è venuta alla luce in tutta la sua drammaticità, dove i protagonisti sfortunati sono stati gli italiani presenti da anni in Slovenia e Croazia, diventati improvvisamente ospiti indesiderati e costretti ad abbandonare l’Istria e la Dalmazia: un tempo casa propria eda un giorno all’altro non più. Un tempo connazionali, ora stranieri. Un tempo amici, improvvisamente nemici. L’esodo di 350 mila italiani costretti a lasciare la propria casa e la propria terra, in cerca di rifugio altrove.

Dopo il periodo delle atrocità naziste e fasciste, quello dei partigiani slavi del Maresciallo Tito. Processi sommari, esecuzioni di massa e in mezzo a tutto ciò le foibe, inghiottitoi naturali tipici della regione carsica profondi anche 200 metri, diventate fosse comuni di militari e civili italiani. E a pagarne le spese maggiori sempre gli stessi, spesso i più indifesi, i più deboli, costretti successivamente a una scelta difficile, comunque giudicata in maniera superficiale e la cui comprensione in maniera deliberata non si è voluta approfondire: scegliere se rimanere stranieri in quella che prima era casa propria o abbandonarla e ritornare in Italia, comunque non certo accolti bene.

Con la regia di Diego Marangon, interpreti sul palco saranno: Alessandra Sorrenti, Alessandro Zucco, Alessio Cavaliere, Cinzia Guglielmi, Ingrid Marchot, Laura Sibilla, Marina Pratelli, Mimma Palumbo, Monica Giannini, Monica Gragnani, Stella Perrone, Valentina Bruno; tecnico audio-luci Stefano Hutter.

INFO: 338 6273449 – liber.theatrum@gmail.comwww.libertheatrum.com


Non solo loro

Per il settimo anno consecutivo “LIBER theatrum” affronta, con un nuovo spettacolo teatrale, il dramma dell’Olocausto durante la Seconda Guerra Mondiale, occupandosi in questo caso della persecuzione nazista che non ha colpito purtroppo solo gli Ebrei, ma tante altre categorie di individui.

GIORNATA DELLA MEMORIA 2020

Zingari, omosessuali, testimoni di Geova, antinazisti, partigiani, semplici prigionieri di guerra e esseri umani classificati come “vite indegne di essere vissute” si devono aggiungere infatti al conto del più grande sterminio di massa dell’umanità. L’eliminazione dei deboli, dei meno fortunati. In particolare di coloro che per varie ragioni hanno sempre vissuto ai margini della società.

Vicende dimenticate o addirittura quasi tenute nascoste per molto, troppo tempo, anche a guerra finita, per motivi di opportunità: politica, economica, religiosa. Pure per spirito di superiorità e crudele cinismo, comunque sempre presente nella nostra società.

Ciò è confermato dal fatto che la Giornata della Memoria è stata fondamentalmente istituita al fine di ricordare la Shoah, cioè la persecuzione e lo sterminio del popolo ebraico, non ricordando invece e non dando altrettanto risalto a tutti gli altri milioni di vittime della terribile macchina da guerra e distruzione di massa nazista.

Vicende quasi sconosciute che invece chiedono a gran voce di essere scoperte, affrontate e diffuse.

Persecuzioni che non possono essere fatte cadere nell’oblio, per prendere atto di quanti altri individui abbiano sofferto e siano morti a causa della follia hitleriana e sancire il diritto di ogni essere umano a vivere in maniera dignitosa e libera.

Fatti, episodi, documenti, testimonianze che ancor più dimostrano sino a che punto è arrivata l’aberrazione umana, mai abbastanza deplorata e condannata.

Tutto ciò in un momento storico in cui i rigurgiti nazionalisti e populisti trovano sempre più spazio nelle nostre piazze e nei proclami di capi partito con pochi scrupoli e altrettanta pochissima memoria storica.

Memoria sempre più necessaria e indispensabile perché, come bene ha ricordato il filosofo e scrittore spagnolo George Santayana: “Chi non ricorda il passato é condannato a ripeterlo”!

Tornano alla mente attualissime allora le parole di Primo Levi: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre”.

Il regista

Marangon Diego


Prossimi appuntamenti

Inizio d’anno denso di impegni per il gruppo ventimigliese di LIBER theatrum, ancora una volta protagonista del panorama teatrale dell’estremo Ponente ligure.

Dopo il grande successo natalizio di “…The day after X-Mas…” e prima di immergersi al 100% nei programmi e progetti, alcuni assolutamente nuovi, per la prossima estate, in meno di tre settimane e sempre al teatro Comunale di Ventimiglia, verranno messi in scena tre nuovi spettacoli.

Innanzitutto, con il patrocinio e contributo della Città di Ventimiglia e il consueto sostegno della locale sezione Soci di COOP Liguria, per il settimo anno consecutivo, attenzione dedicata al tema dell’Olocausto in occasione della Giornata della Memoria e appuntamento fissato per Venerdì 24 Gennaio – alle ore 11.00 riservato agli studenti delle scuole medie superiori e alle ore 21.00 a ingresso gratuito per la Cittadinanza – con “NON SOLO LORO” spettacolo teatrale dedicato in particolare alle innumerevoli vittime non ebree del Nazismo.

Mercoledì 12 Febbraio invece, in occasione del Giorno del Ricordo, andrà in scena “VIA DA QUI” spettacolo che affronterà il tema delle Foibe e dell’Esodo Istriano-Dalmato al termine della Seconda Guerra Mondiale. Anche in questo caso replica mattutina riservata agli studenti e alla sera alle ore 21.00 ad ingresso libero per la Cittadinanza.

Solo due giorni dopo, Venerdì 14 febbraio, in occasione della giornata dedicata all’amore e a San Valentino, alle ore 21.00 con ingresso a pagamento, a chiusura di un lungo laboratorio con l’attore e regista nisseno napoletano Aldo Rapè, grande attesa per vedere in scena quaranta interpreti impegnati in una particolare e originale versione ispirata al più classico dei testi teatrali: “ROMEO E GIULIETTA” di William Shakespeare.

Ancora una volta LIBER theatrum mostra la sua versatilità e voglia di mettersi in gioco offrendo al suo affezionato pubblico una proposta artistica diversificata affrontata altresì con il consueto impegno e passione.

INFO e prenotazioni: cell. 338 6273449 – liber.theatrum@gmail.comwww.libertheatrum.com

Natale con i tuoi… THE DAY AFTER X-MAS … con noi!!!

LOCANDINA 2019

E’ in programma per Venerdì 27 Dicembre alle ore 21.00 a ingresso libero, con il patrocinio della Città di Ventimiglia e inserito nel calendario degli eventi natalizi, lo spettacolo teatrale di “LIBER theatrum” dal titolo assolutamente appropriato al periodo delle feste di fine anno: “Natale con i tuoi THE DAY AFTER XMAS con noi”.
Ideato e scritto da Claudio Vecchio e Claudio Ristagno, con la consueta regia di Diego Marangon, si tratta di un lavoro ‘molto’ liberamente ispirato al famoso “Canto di Natale” di Charles Dickens, costante riferimento artistico nel periodo delle feste di fine anno, qui rivisitato e ambientato ai giorni nostri, a offrire uno spaccato della nostra società e di ciò che il Natale ancora rappresenta per grandi e piccini.
In scena quai venti interpreti alle prese con la regina delle feste appena trascorsa, in particolare immersi nel “day after…” – il giorno dopo – in cui è lecito chiedersi se sia ancora Natale!
E’ la giornata degli avanzi, ma anche delle riflessioni e dei bilanci. La slitta di Babbo Natale riprende il suo viaggio per tornare a casa ed ecco iniziare anche un viaggio nel tempo e dentro ognuno di noi, perché non si rimane mai abbastanza bambini per vivere il Natale e non si cresce mai abbastanza per desiderare di ignorarlo. Uno spettacolo in cui la magia della festa per eccellenza viene vivisezionata e analizzata, proprio per cercare di ritrovarne l’essenza più sincera e antica.
Un modo per affascinare ancor di più e non disilludere i più piccoli, facendoli ridere e sorridere, ma anche per fare riscoprire, soprattutto agli adulti, cosa significa veramente questo momento. Perché abbiamo tutti bisogno di un Natale che sia più dolce, più intimo, anche più povero se necessario, in contrasto con quello sempre più arido, vuoto, ripetitivo, scontato, quasi assente, che ogni anno ci travolge senza riuscire ad emozionarci veramente. Per ritrovare e fare riscoprire il vero senso di questo giorno.
Perché il Natale si festeggia si una volta l’anno, ma i suoi valori fondanti dovrebbero essere vissuti e coltivati tutti i giorni, nel quotidiano, nella famiglia, nelle amicizie, nella comunità.
Ecco che allora accanto ai personaggi tipici di ogni Natale si intrecciano le storie di ognuno di noi: quelle sorridenti, allegre, alcune pure divertenti, ma anche quelle drammatiche, tristi, semplicemente malinconiche, con cui ogni giorno abbiamo a che fare. Tutte le cose belle che ci fanno sperare in un futuro migliore, ma anche tutte quelle brutture del mondo che almeno a Natale, per un giorno, vogliamo e proviamo da un lato ad accantonare e dimenticare e dall’altro a dedicargli invece un pensiero in più, forse anche una lacrima e un momento di commozione, cercando di comprenderle, se non addirittura di capirle e risolverle, credendo così di purificarci e quietare le nostre coscienze.
Info: 3386273449 – liber.theatrum@gmail.com – www.libertheatrum.com


Immagine

Natale con i tuoi…. The day after X-mas … con noi!!!

LOCANDINA 2019


LIBER THEATRUM NUOVI CORSI DI RECITAZIONE DA LUNEDI’ 7 OTTOBRE

Ormai chiusa, ancora una volta con grande successo, la stagione estiva con numerosi spettacoli ed eventi, per l’Associazione Culturale ventimigliese ‘LIBER theatrum’ è l’ora di affrontare nuovi impegni e dedicarsi ai nuovi progetti, innanzitutto all’apertura dei consueti corsi di recitazione per adulti, ragazzi e bambini.

Già fissato l’“Open day” riservato al corso di teatro per adulti. Quest’anno sarà Lunedì 7 ottobre alle ore 20.00 presso il “teatrino” di Via San Rocco 16 a Vallecrosia, per offrire una nuova possibilità a chi si vuole avvicinare al mondo del teatro e scoprirne i segreti, ma soprattutto il fascino.

corsi di recitazione 2019-2020.png

Oltre alle numerose e continue iniziative ed eventi culturali in programmazione per i prossimi mesi, sono quindi ufficialmente aperte le iscrizioni ai corsi teatrali per la stagione 2019-2020 che permetteranno a chi lo desidera, grandi e piccini, di cimentarsi nell’arte della recitazione prevedendo corsi, ma anche laboratori e workshop estemporanei con attori e registi professionisti, la cui calendarizzazione è in via di definizione proprio in questi giorni.

Telefonando al 338 6273449 oppure scrivendo all’indirizzo mail liber.theatrum@gmail.com e visitando il sito www.libertheatrum.com sarà possibile non solo già iscriversi, ma anche avere informazioni, ottenere dettagli e chiedere le delucidazioni necessarie.

Gratuito, senza impegno e libero a tutti sarà l’accesso ai primi due incontri per consentire a chiunque di prendere visione direttamente e comprendere “al meglio” di che cosa si tratta e ricevere tutte le informazioni utili per decidere se iniziare o meno l’avventura teatrale.

Come gli anni scorsi, a guidare i gruppi sarà Diego Marangon, vera anima di “LIBER theatrum” attore e regista, sempre più gratificato dai risultati raggiunti in questi anni.

Ancora una volta si rinnova un’offerta formativa sempre molto apprezzata da chi si vuole avvicinare al mondo del teatro, per sperimentare la propria predisposizione o soddisfare desiderio e curiosità latenti, così come hanno fatto nel corso degli anni innumerevoli allievi e corsisti, alcuni dei quali sono diventati una colonna portante di quella che ormai è diventata una vera e propria ‘compagnia teatrale’ che anche quest’anno ha mietuto successi e riconoscimenti, oltre a creare bellissime collaborazioni artistiche e umane anche con altre e diverse realtà teatrali e non solo.

Anche quest’anno si è quindi alla vigilia di un cammino lungo e articolato, che certamente richiederà impegno, costanza, serietà e dedizione, ma che ancora una volta, riuscirà a regalare soddisfazioni, gratificazioni e grandi sorprese, offrendo stimoli ed entusiasmo, solleticando e sollecitando la curiosità di coloro che decideranno di iscriversi per cogliere quei risultati che da anni vengono raggiunti brillantemente, vincendo con successo una sfida personale affascinante e arricchente. Un percorso dedicato al corpo ed alla voce, fatto di esercizi corporei e giochi teatrali, improvvisazioni e lavoro sull’intenzione, che permetterà agli aspiranti attori di esplorare e sperimentare soprattutto la propria sfera emozionale, per riuscire a mettere in scena la parola drammaturgica e trasmettere al meglio un messaggio, facendo vibrare le corde emotive degli spettatori, in un viaggio metaforico che, come al solito, porterà alla messa in scena di un saggio finale.

INFO: 338 6273449 / liber.theatrum@gmail.com/ www.libertheatrum.com


VENERI O MARZIANI domenica 29 settembre – Vallebona

Annullato, causa il maltempo, è stato rinviato a Domenica prossima 29 Settembre alle ore 17.00 e ingresso gratuito, con brindisi finale, lo spettacolo di teatro diffuso “VENERI O MARZIANI” che vedrà in scena a Vallebona, con punto d’incontro iniziale in Piazza XX Settembre, il gruppo ventimigliese di LIBER theatrum.

Torna nel bel borgo di Vallebona, nell’immediato entroterra di Bordighera, l’originale iniziativa legata all’Equinozio d’Autunno, che tanto successo ha riscosso lo scorso anno. Per salutare la fine dell’Estate e l’arrivo dell’Autunno, anche quest’anno ospite sarà il gruppo di LIBER theatrum con un nuovissimo e originale lavoro.

VENERI_O_MARZIANI_Loc_WEB_bis

Con il patrocinio e il contributo della locale Amministrazione, appuntamento per Domenica 22 Settembre alle ore 17.30 a ingresso gratuito in piazza XX Settembre con “VENERI O MARZIANI” spettacolo di teatro diffuso più divertente che serio, con la regia di Diego Marangon, che verrà messa in scena nei caratteristici carruggi, angoli e piazzette di Vallebona, patria dell’Ape in fiore, ma non solo…

LIBER THEATRUM APE

Un nuovo spettacolo che con leggerezza e divertimento, senza però tralasciare spunti di riflessione, accompagnerà in un viaggio galattico gli spettatori nei carruggi di Vallebona, in particolare nel nostro sistema solare, a toccare e raggiungere i pianeti dell’amore, scoprendone e analizzandone le varie sfaccettature e sfumature.

Un viaggio sorprendente costellato dalla scoperta di curiosità e dall’indagare nei vari aspetti dell’amore, da sempre il vero motore dell’esistenza umana.

Tra angoli inconsueti e affascinanti, le guide accompagneranno e introdurranno i vari temi dello spettacolo: dall’amore tradito a quello dolce, da quello spassionato a quello finito, senza tralasciare l’amore pazzo, quello rispettoso e altro ancora.

Una ventina gli interpreti che LIBER theatrum porterà in scena, a salutare un’estate ancora una volta densa di impegni e successi e già pronti ai nuovi progetti della prossima stagione autunno-inverno, a cominciare dall’organizzazione dei nuovi corsi di recitazione che avranno inizio nelle prime settimane di Ottobre .

A chiudere il pomeriggio, un brindisi conviviale con sottofondo musicale offerto dall’Amministrazione, a suggellare la fine di un’estate che ha visto il gradimento e l’apprezzamento da parte di tutti per i tanti appuntamenti che sino da Giugno hanno riempito l’estate vallebonenga.

INFO: 338 6273449 – liber.theatrum@gmail.comwww.libertheatrum.com


VENERI O MARZIANI

In caso di maltempo, sarà rimandato alla Domenica successiva 29 Settembre alle ore 17.00 –

Torna nel bel borgo di Vallebona, nell’immediato entroterra di Bordighera, l’originale iniziativa legata all’Equinozio d’Autunno, che tanto successo ha riscosso lo scorso anno. Per salutare la fine dell’Estate e l’arrivo dell’Autunno, anche quest’anno ospite sarà il gruppo di LIBER theatrum con un nuovissimo e originale lavoro.

VENERI E MARZIANI

Con il patrocinio e il contributo della locale Amministrazione, appuntamento per Domenica 22 Settembre alle ore 17.30 a ingresso gratuito in piazza XX Settembre con “VENERI O MARZIANI” spettacolo di teatro diffuso più divertente che serio, con la regia di Diego Marangon, che verrà messa in scena nei caratteristici carruggi, angoli e piazzette di Vallebona, patria dell’Ape in fiore, ma non solo…

LIBER THEATRUM APE

Un nuovo spettacolo che con leggerezza e divertimento, senza però tralasciare spunti di riflessione, accompagnerà in un viaggio galattico gli spettatori nei carruggi di Vallebona, in particolare nel nostro sistema solare, a toccare e raggiungere i pianeti dell’amore, scoprendone e analizzandone le varie sfaccettature e sfumature.

Un viaggio sorprendente costellato dalla scoperta di curiosità e dall’indagare nei vari aspetti dell’amore, da sempre il vero motore dell’esistenza umana.

Tra angoli inconsueti e affascinanti, le guide accompagneranno e introdurranno i vari temi dello spettacolo: dall’amore tradito a quello dolce, da quello spassionato a quello finito, senza tralasciare l’amore pazzo, quello rispettoso e altro ancora.

Una ventina gli interpreti che LIBER theatrum porterà in scena, a salutare un’estate ancora una volta densa di impegni e successi e già pronti ai nuovi progetti della prossima stagione autunno-inverno, a cominciare dall’organizzazione dei nuovi corsi di recitazione che avranno inizio nelle prime settimane di Ottobre .

A chiudere il pomeriggio, un brindisi conviviale con sottofondo musicale offerto dall’Amministrazione, a suggellare la fine di un’estate che ha visto il gradimento e l’apprezzamento da parte di tutti per i tanti appuntamenti che sino da Giugno hanno riempito l’estate vallebonenga.

INFO: 338 6273449 – liber.theatrum@gmail.comwww.libertheatrum.com


Immagine

VENERI E MARZIANI la locandina

VENERI E MARZIANI