IL TEATRO DELLE EMOZIONI

“Ad un passo dal cielo – W LA MAFIA”

Grande attesa, per addetti ai lavori, ma anche per i semplici appassionati di teatro, per il ritorno a Ventimiglia dell’attore di teatro siciliano Aldo Rapè – Prima Quinta teatro, apprezzatissimo e ormai conosciutissimo per avere portato in scena nei mesi scorsi qui in riviera, ma anche nel Principato di Monaco, il bellissimo spettacolo sul tema della mafia “MUTU”.

E’ infatti inserito nel calendario di “HanburycheSPETTACOLO!”16 e in programma Domenica 24 Luglio alle ore 21.30 nel bel piazzale davanti alla Villa, nello splendido scenario dei Giardini Botanici Hanbury, il suo spettacolo “Ad un passo dal cielo – W LA MAFIA” per la regia di Nicola Vero, ovviamente dedicato ancora una volta al tema della delinquenza organizzata mafiosa, peraltro pochi giorni dopo e in occasione dell’anniversario della morte del Giudice Borsellino avvenuta il 19 Luglio 1992.

Uno spettacolo emozionante e dolcissimo, “da pelle d’oca” in cui Rapè porterà in scena la storia di un ragazzo, Calogero, rimasto bambino, dopo aver assistito all’omicidio dei suoi genitori. La favola di un bimbo siciliano e del suo fido compagno Gino, un burattino. Un vero e proprio urlo disperato ad un passo dal cielo il suo “W LA MAFIA”.

Ancora una volta bravissimo e da non perdere assolutamente Aldo RAPE’, che in un siciliano nitido esemplifica cosa vuol dire “narrazione scenica”, riesce anche a divertire, ma soprattutto tocca le corde più nascoste degli spettatori, fino al cuore in maniera sottile e profonda, quasi inavvertitamente. Fa male all’anima e induce alla riflessione in un crescendo candido, che si commuove e commuove, poeticamente sobrio. Un vero e proprio funanbolo da palcoscenico, dove per quasi un’ora di spettacolo l’attore non tocca mai“ terra, rimanendo quasi sospeso “ad un passo dal cielo… che si commuove e commuove.

Rapè riesce a fare rabbrividire e scaldare la pelle, avendo scritto e mettendo in scena la storia di un adulto trentenne mai cresciuto…Le movenze della mani del padrone del palco sembrano quelle di un pittore che cerca di continuo di stravolgere con cura la sua opera fluttuando il pennello al cielo. “W LA MAFIA” è un inno di insulto alla distruzione sociale, personale ed umana della dignità umana.

Un grandissimo e unico, toccante momento di poesia, che commuove pur nell’amarezza della narrazione e Rapè domina il palco da solo, in un monologo appassionato, che arriva al pubblico che lo ascolta coinvolgendolo di testa e di cuore grazie all’originalissima scelta di fare ricorso all’innocente follia dei bambini.

Uno spettacolo figlio della più dolce tra le favole e della più crudele e spietata delle realtà. Una favola reale e crudele in cui l’innocente e folle “piccolo” Calogero ha il potere di impersonare tutta la rabbia, la tristezza e il rancore dei parenti delle vittime uccise dalla mafia.

Da tutto ciò è nata una storia delicata, plasmata con maestria, toccante… sul palco assieme ad Aldo Rapè ci sono tutti i morti ammazzati. Un urlo nel buio che tocca il cuore…

Come per “MUTU”, vincitore al Festival di Avignone Off e poi ospitato in giro per l’Europa, sino a New York, negli Stati Uniti, innumerevoli anche in questo caso i premi e le segnalazioni prestigiose ricevute.

Ancora una volta Aldo RAPE’ ha fatto centro… Preparatevi a commuovervi e sorridere allo stesso tempo!

Ingresso € 15,00 – Dalle ore 20.30 anche per la performance prova aperta degli allievi del workshop che si terrà dal 21 al 24 Luglio e dalle ore 21.30 “solo” per lo spettacolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...